Un tentativo prospetticamente scettico di avanzare

Ovvero: come abbandonare la pretesa universalità dell’interpretazione post-moderna e rifuggire la convinzione neo-realista

Prefazione

  1. Pezzi, ed altri pezzi

D’altronde, “la vita non costruisce nulla, se non si procura le pietre da un’altra parte“, così, non mi propongo, anzi, non affermo di aver creato niente di nuovo, però, d’altra parte, il mio proposito era quello di creare; quindi, il giudizio sull’essere innovativo – al modo di una di quelle novità che si comportano alla maniera in cui l’acqua infiltrandosi nella roccia riesce a spaccarla –, o una petulante ripetizione, ovvero il poter essere additato come uno che non ha saputo far altro che prendere concetti già espressi ed esaminati, lo lascerei ad altri. 

Continua a leggere “Un tentativo prospetticamente scettico di avanzare”