Pensieri irrequieti

Lascia un commento
Aforismi
  1. Il palco e l’attore

Ogni attore sarà alla ricerca di un palco su cui esibirsi, ogni persona che intenda raffigurare un suo atto avrà bisogno, per farlo, di un palco. Ed è così che l’arte dell’attore è niente senza uno stage su cui performare, ed è così che l’artista muore senza un luogo in cui esibirsi. Ognuno ha il suo palco, sta solo a lui trovarlo.

  1. Le dighe e gli argini

Per fortuna vi sono delle motivazioni – o giustificazioni, a seconda del momento che si dia – dietro cui l’individuo si erge forte, dietro cui l’individuo si schiera, fortificandole e rendendole solide. L’individuo puntella e accresce in siffatta maniera le proprie difese. Con tali atti egoistici il soggetto riesce a protrarsi e a far prevalere la propria azione, sia contro la critica esterna sia contro gli impedimenti e i dubbi interni. In tale maniera la volontà soggettiva prevale e si protrae.

  1. Il genio e le parole

Che cosa permette all’uomo solo di riuscire a riempire di significato una parola, o un congiunto o un insieme di parole, a tal punto da riuscire a farla, o farle, significare di per sé? Che cos’ha in più l’uomo di genio, ovvero quell’uomo che riesce a far significare una parola una volta per tutte, rispetto all’uomo comune, all’uomo medio? Forse che quest’ultimo non avrà pronunciato nell’arco della sua vita quelle stesse parole? E allora che cosa vi sarà in più nell’azione linguistica che definisce e disegna i contorni di una parola? L’ardore di intraprendere un’iniziativa spontanea e sincera, macchiata da una volontà tesa alla delimitazione.

  1. Il franare muto dei significati

Ancora, sotto i colpi delle martellate, cadranno i significati immortalati e resi immortali dai loro protettori. Ancora una volta ci toccherà assistere alla caduta di una parola e alla dispersione di quei significati che così accuratamente erano stati racchiusi in un insieme linguistico. I limiti si romperanno e il contenuto si riverserà al di fuori come un fiume in piena che scavalca i propri argini.

  1. L’aspettativa di riuscita

Si è illusi quando si continua a sperare di riuscire ancor prima di cominciare. L’illusione più forte sta nell’attesa di un bambino che, tirando un pezzo di mollica nell’acqua, spera che un pesce, prima o poi, fuoriesca per mangiarselo. Per fa sì che ciò avvenga bisognerà innanzitutto procurarsi quel pezzo di pane, e poi gettarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...